logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
IBL 1
GARA2, BOLOGNA-SAN MARINO 6-5
Domenica 18 Agosto 2019 00:57    PDF Stampa E-mail

Bologna vince gara2 per 6-5 e si porta sul 2-0 nella serie scudetto. Niente da fare per San Marino, che non riesce a mantenere il vantaggio di 4-0 al 5° e di 5-3 al 9°, finendo con l’essere sorpassata sul filo di lana da una valida dell’ex Ferrini. Vincente Crepaldi, perdente Mazzocchi.

SAN MARINO SUBITO AVANTI. Titani subito avanti al 1° grazie alle basi ball a Giordani e Flores e al punto battuto a casa con una valida da Celli (1-0). Il 2-0 arriva al terzo grazie all’accoppiata Romero (base ball) e Flores (doppio). Al 4°, invece, San Marino non capitalizza tre singoli e non riesce ad andare a punto.

LA PARTITA GIRA AL QUINTO INNING. Il 5° inning è a due facce. Prima ecco il 4-0 sammarinese, con punti che entrano grazie al fuoricampo di Romero e all’errore della difesa sulla rimbalzante di Reginato con Celli in terza (base più avanzamenti su lancio pazzo). Poi la rimonta bolognese con 3 punti: singolo di Marval, eliminazione di Vaglio, singolo di Paz (…), base a Grimaudo, singolo da due punti battuti a casa di Agretti (2-4) e 3-4 che arriva su lancio pazzo. Maestri deve uscire per Mazzocchi.

RIBALTONE AL 9°. Non si segna più fino al 9°. Su Crepaldi, entrato per Bassani, San Marino va sul 5-3 (base a Rondon, balk, singolo di Flores). Poi la parte bassa che decreta la rimonta e il sorpasso di Bologna. Con due out e Vaglio in base, Fuzzi guadagna la base ball e Russo centra il singolo del 4-5. Per Dobboletta ci sono quattro ball e le basi sono cariche. Entra Coveri per Mazzocchi: base a Nosti e punto automatico del 5-5. Entra Simone, che rimonta da tre ball e zero strike andando su conto pieno, ma poi Ferrini trova la lunga valida al centro che vale il 6-5. Vince Bologna.

UNIPOLSAI FORTITUDO BOLOGNA – SAN MARINO BASEBALL 6-5

SAN MARINO: Giordani ec (0/4), Rondon 2b (0/4), Romero dh (1/4), Flores 1b (2/4), Celli ed (2/3), Reginato es (1/5), Epifano ss (1/5), Trinci r (1/3), Pulzetti 3b (2/4).

BOLOGNA: Nosti ed (0/4), Ferrini 3b (1/5), Polonius ss (0/4), Marval 1b (2/4), Vaglio 2b (2/3), Paz r (1/4), Grimaudo (Fuzzi) es (0/2), Agretti (Russo 2/2) dh (1/2), Dobboletta ec (1/2).

SAN MARINO: 101 020 001 = 5 bv 10 e 0

BOLOGNA: 000 030 003 = 6 bv 8 e 1

LANCIATORI: Maestri (i) rl 4.2, bvc 4, bb 1, so 3, pgl 3; Mazzocchi (L) rl 4.0, bvc 3, bb 3, so 1, pgl 3; Coveri (r) rl 0.0, bvc 0, bb 1, so 0, pgl 0; Simone (f) rl 0.0, bvc 1, bb 0, so 0, pgl 0; Scotti (i) rl 3.2, bvc 6, bb 3, so 2, pgl 2; Pizziconi (r) rl 1.1, bvc 1, bb 2, so 3, pgl 1; Bassani (r) rl 3.0, bvc 2, bb 0, so 4, pgl 0; Crepaldi (W) rl 1.0, bvc 1, bb 2, so 1, pgl 1.

NOTE: fuoricampo di Romero (1p. al 5°). Doppio di Flores.

 
FINALE, GARA1: BOLOGNA-SAN MARINO 3-1
Sabato 17 Agosto 2019 00:42    PDF Stampa E-mail

Gara1 di finale scudetto è di Bologna, che rimonta il fuoricampo iniziale di Giordani e ha la meglio 3-1 sul San Marino Baseball. Al Gianni Falchi il vincente è Perakslis, perdente Quevedo e salvezza per Marval.

INIZIO SUPER PER I TITANI. I partenti scelti dai due manager sono Perakslis e Quevedo e a iniziare meglio è decisamente San Marino. Al quinto lancio della partita, sul conto di due ball e due strike, Federico Giordani manda lunga a sinistra la pallina dell’1-0. È il primo punto di queste Italian Baseball Series, ottenuto con un fuoricampo che galvanizza la squadra in avvio di match. I primi tre inning di Quevedo sono sciolti, senza particolari pressioni, e ad andare più vicini a pestare il piatto di casa base, nel primo terzo di match, sono ancora Albanese e compagni (due lasciati in base al 1° e al 3°, quando Romero è out a casa).

BOLOGNA PAREGGIA AL 4°. Dopo aver lanciato abbastanza poco, Quevedo viene messo a dura prova in avvio di 4° da due lunghi turni in battuta di Polonius e Marval, con entrambi a battere valido. Con uomini agli angoli, è la volata di sacrificio di Vaglio a scrivere 1-1 a tabellone. Al 5° Di Fabio innesca un bel doppio gioco su Ferrini che chiude l’inning senza danni e fa rimanere il punteggio sull’1-1, mentre al 6° Bologna passa in vantaggio.

PADRONI DI CASA AVANTI GRAZIE A UNA BASE BALL. Il 6° è l’inning difensivo più problematico per San Marino. Dopo aver messo strike out Polonius, Quevedo subisce un doppio da Marval ed è sostituito. Entra Perez, che dopo aver concesso intenzionalmente la base a Vaglio viene toccato dal singolo di Paz. Con le basi piene, sul monte per i Titani ci va Valerio Simone, che prima elimina al piatto con freddezza Grimaudo e poi affronta Fuzzi, pinch hitter per Agretti. La battaglia è aspra e giocata sui fili, ma alla fine vengono chiamati quattro ball che significano punto automatico del 2-1 per i padroni di casa. San Marino si salva eliminando poi a casa Vaglio in una giocata successiva, ma in questa fase la partita ha preso una svolta favorevole ai felsinei. Al 7°, in situazione di due eliminati e due in base, Simone viene rilevato da Baez, che viene toccato al primo lancio da Marval per il 3-1 bolognese. All’8°, con uomo del pareggio per San Marino in prima (Flores in base su errore e base ball a Reginato), Rivero sostituisce Brolo Gouvea e chiude l’inning mettendo strike out Epifano. Al 9° non accade nulla di particolarmente significativo, Bologna vince 3-1.

UNIPOLSAI FORTITUDO BOLOGNA – SAN MARINO BASEBALL 3-1

SAN MARINO: Giordani ec (1/5), Rondon 2b (0/4), Romero dh (2/3), Flores 1b (1/3), Celli ed (2/4), Reginato es (0/3), Epifano ss (1/4), Albanese (Avagnina 0/1) r (0/3), Di Fabio (Pulzetti 0/1) 3b (0/3).

BOLOGNA: Nosti ed (0/2), Ferrini 3b (0/4), Polonius ss (1/3), Marval 1b (3/4), Vaglio 2b (0/2), Paz r (2/4), Grimaudo es (0/4), Agretti (Fuzzi 0/1) dh (2/2), Dobboletta ec (0/1).

SAN MARINO: 100 000 000 = 1 bv 7 e 0

BOLOGNA: 000 101 10X = 3 bv 8 e 1

LANCIATORI: Quevedo (L) rl 5.1, bvc 6, bb 1, so 4, pgl 2; Perez (r) rl 0.0, bvc 1, bb 1, so 0, pgl 0; Simone (r) rl 1.1, bvc 0, bb 3, so 1, pgl 1; Baez (f) rl 1.1, bvc 1, bb 0, so 3, pgl 0; Perakslis (W) rl 6, bvc 7, bb 2, so 8, pgl 1; Brolo Gouvea (r) rl 1.2, bvc 0, bb 1, so 3, pgl 0; Rivero (S) rl 1.1, bvc 0, bb 0, so 3, pgl 0.

NOTE: fuoricampo di Giordani (1p. al 1°); doppio di Marval.

 
FINALE SCUDETTO, SI PARTE!
Giovedì 15 Agosto 2019 13:31    PDF Stampa E-mail

Poco più di 24 ore al via. Countdown che procede spedito al playball di gara1, allo start dell’Italian Baseball Series 2019. È la serie che assegnerà lo scudetto, la sfida tra Unipolsai Fortitudo Bologna e San Marino Baseball. Le prime due gare si giocheranno al “Gianni Falchi”, in terra emiliana, venerdì 16 e sabato 17. Poi trasferimento sul Titano per gara3 di martedì 20 ed eventualmente mercoledì 21. Infine, se le due squadre dovessero trovarsi sul 2-2, la bella di Bologna di sabato 24. Tutte le gare cominceranno alle 20.30.

GLI SCONTRI DIRETTI. In regular season, nelle quattro partite disputate, il bilancio è di tre vittorie a una a favore di Bologna. Scenario delle grandi occasioni per quel debutto stagionale d’atmosfera e di ricordo di Rino Zangheri. In quel primo match di campionato a spuntarla furono i giocatori di Frignani, che vinsero 5-4 in rimonta battendo meno valide (3 a 6), ma approfittando al meglio di un 7° inning da 3 punti (vincente Bassani, perdente Cherubini, 2 valide per giordani e Flores). In gara2 a Bologna ancora una vittoria per la Fortitudo, che tenne in dote quasi fino alla fine i due punti segnati al 1° chiudendo poi 3-1 (vincente Rivero, perdente Quevedo, 7 valide a testa per le due squadre). Al ritorno terzo successo bolognese in gara1 (3-2), ancora una volta coi Titani a battere di più (9 a 7 le valide), ma con meno efficacia (vincente Brolo, perdente Quevedo, 3 valide per Epifano). Nella quarta partita a imporsi fu San Marino in maniera abbastanza netta, con un 11-7 che vide Maestri vincente, Bassani perdente e 3 valide per Edgar Rondon.

IL PERCORSO DELLE DUE SQUADRE. In regular season la Fortitudo Bologna ha chiuso al primo posto con un bilancio di 21 partite vinte e 3 perse, mentre i ragazzi di Chiarini hanno concluso in terza posizione con 14 successi in 23 incontri. In semifinale Albanese e compagni hanno battuto 3-1 Nettuno (6-3, 8-5, 5-6, 3-2), sbancando lo Steno Borghese due volte e poi chiudendo in casa alla seconda opportunità. Bologna ha cominciato con due sconfitte in casa con Parma, poi però sono arrivati due successi in trasferta e infine la vittoria casalinga in rimonta in gara5 (3-10, 3-6, 9-3, 5-3, 5-4).

LE STATISTICHE. In regular season Bologna ha battuto con una media di squadra di 295 (secondo), con San Marino a 275 (terzo). I felsinei prevalgono in punti battuti a casa (162 a 134), doppi (45 a 38) e tripli (9 a 4), mentre San Marino è avanti in fuoricampo (25 a 23) e percentuale arrivi in base (385 a 383). Sul monte la media punti guadagnati è molto simile (3.13 Bologna e 3.14 San Marino), con i Titani ad essere gli unici in campionato a far battere sotto quota 200 gli avversari (199), mentre l’Unipolsai si attesta su una media di 226.

A livello di singoli, Bologna ha sei giocatori dell’attuale rosa che battono sopra 300: l’ex Ferrini (379), Leonora (375), Fuzzi (356), Paz (353), Vaglio (329) e Polonius (316), ma occhio anche a elementi come Nosti (268), Grimaudo (255) e soprattutto Marval (237), che in regular season non hanno avuto numeri simili a quelli dei compagni ma hanno dimostrato in semifinale di saper incidere nei momenti più importanti. Basti pensare al rendimento nelle cinque partite con Parma di Marval (8/16, 500) e di Grimaudo (8/18, 444, 5 punti battuti a casa). Sul monte di lancio i due che dovrebbero essere utilizzati come partenti stranieri, si vedrà in quale ordine, sono Rivero e Perakslis, col primo che in regular season ha fatto registrare 4 vittorie e 0 sconfitte con una media ERA di 1.35 e il secondo che è diventato protagonista soprattutto in Coppa Campioni e poi nei playoff. Occhio però anche alle prestazioni di Murilo Brolo Gouvea (3-0, 3.2), mentre nella gara degli italiani il manager Frignani può pescare tra Pizziconi (2-0, 4.68), Bassani (4-1, 4.38) e Crepaldi (2-0, 1.88).

In regular season, per San Marino hanno superato quota 300 in media battuta Giordani (375), Flores (371), Romero (351) e Celli (325), mentre in semifinale col Nettuno City hanno battuto più di tutti Di Fabio (3/6, 500), Rondon (4/10, 400) e Reginato (5/15, 333 e un fuoricampo). Sul monte di lancio, in regular, bilancio di 6 vittorie e 2 sconfitte con 3.32 di ERA per Carlos Quevedo, con Alessandro Maestri a quota 5-4 e con una media di punti guadagnati molto simile, 3.34. Tre salvezze per un Baez da 1.23 di ERA, con Perez invece a 1.02. Per quanto riguarda gli italiani, 2.95 di ERA per Mazzocchi, 3.00 per Cherubini e 6.16 per Coveri, con l’importante aggiunta ora di Valerio Simone.

 
DRUDI PERFORMANCE, DALLE MOTO AL BATTI E CORRI
Mercoledì 14 Agosto 2019 11:34    PDF Stampa E-mail

Il 2019, l’annata sportiva che si concluderà in questo mese di agosto con la finale contro la Fortitudo Bologna, ha rappresentato per noi del San Marino Baseball, tra le altre cose, la bella novità della collaborazione con Drudi Performance. Aldo Drudi è un fuoriclasse del design e lo ha dimostrato ai massimi livelli sportivi nel mondo del motociclismo, col lavoro in MotoGp e accompagnando la crescita di tanti, tra cui un altro fuoriclasse come Valentino Rossi, con linee di caschi e livree sempre accattivanti e che hanno fatto la storia.

L’ingresso nel batti e corri nostrano non è stato banale, ma folgorante. Drudi Performance ha disegnato la nuova linea del San Marino Baseball per questa annata sportiva, con casacche da gioco, cappellini e tutto il materiale a ospitare il nuovo marchio e il design della scritta “San Marino”. Non solo, perché in questo agosto è stato consegnato anche un nuovo speciale caschetto a capitan Simone Albanese prima di gara3 di semifinale col Nettuno City. Un partner di livello eccellente per un San Marino che da venerdì è impegnato nell’ultima sfida della stagione, quella per il titolo assoluto.

 


Pagina 2 di 43