logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
CELLI, LA TRIPLA CORONA RACCONTATA DAL PROTAGONISTA
Sabato 12 Settembre 2020 23:03    PDF Stampa E-mail

473 di media battuta, 10 fuoricampo, 36 punti battuti a casa: è ufficialmente Tripla Corona. Federico, quali sono le tue prime sensazioni?

‚ÄúBeh, negli ultimi tempi mi era stato detto spesso della possibilit√† di raggiungere questo obiettivo, ma cercavo di filtrare tutti i discorsi e concentrarmi sulle singole partite. Ora che √® realt√† sono molto contento, √® il frutto di un‚Äôottima stagione, un segno + che regala tanta soddisfazione. Essere nella stessa lista di giocatori come Gandini, Castelli, Bianchi e Duran per me √® un onore‚ÄĚ.

Quale è stata, tra le tre categorie, quella in cui temevi di non primeggiare?

‚ÄúForse la media battuta. Quando sono nati i primi discorsi di Tripla Corona, sono andato subito a vedere la situazione della media, che era molto combattuta: io, Caseres e Didder racchiusi in poco spazio. Alla fine, sono riuscito a star davanti‚ÄĚ

Quale primato ti regala pi√Ļ soddisfazione?

‚Äú√ą chiaro che per un battitore di potenza la classifica dei fuoricampo √® sempre importante, ma io direi che mi ha fatto molto piacere restare in alto nei punti battuti a casa. In fondo √® una statistica che aiuta la squadra e questo √® doppiamente importante‚ÄĚ.

Hai qualche dedica per l’impresa?

‚ÄúPi√Ļ che dediche direi ringraziamenti. Innanzitutto, al nostro tecnico Mario Chiarini e a Beppe Carelli, col quale mi sono confrontato spesso. Poi naturalmente tutti quelli che hanno reso possibile la cosa, cio√® i miei compagni di squadra. Infine, la mia famiglia e la mia ragazza‚ÄĚ

Tra pochissimo parte la fase pi√Ļ calda della stagione, gioved√¨ scatta la Finale Scudetto‚Ķ

‚ÄúDobbiamo continuare a giocare con la stessa concentrazione che abbiamo dimostrato di poter avere in campionato. Bologna √® un avversario tosto e per vincere dovremo far bene le piccole cose. Siamo vicini come attacco e monte di lancio, secondo me la differenza sar√† fatta da chi riuscir√† a commettere meno errori. Siamo carichi, non vediamo l‚Äôora di cominciare‚ÄĚ