logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
LA SERIE DI SEMIFINALE SI SPOSTA A BOLOGNA
Giovedì 05 Settembre 2013 13:10    PDF Stampa E-mail

Siamo rimasti a due gare vinte dalla T&A sul diamante amico di Serravalle, due prestazioni di alto livello dei Campioni d'Italia che però non possono ancora brindare al passaggio del turno. Per arrivare in finale serve un ulteriore passo e andrà fatto a Bologna, dove si sposta la serie di semifinale. L'Unipol ospiterà San Marino domani sera, venerdì, alle 21. L'eventuale gara4 è in programma sabato allo stesso orario.

 

Doriano, qual è lo spirito dopo il 2-0 ottenuto a San Marino?

“Sempre lo stesso, non possiamo certo cambiare mentalità in pochi giorni. Servono concentrazione e determinazione: andiamo a Bologna con lo spirito giusto, con mentalità positiva. Di sicuro vorremmo chiudere la serie il prima possibile: più avanti vai, più la situazione può diventare pericolosa”.

 

Domani sera sarà nuovamente sfida tra Rivero e Magrane. Qual è la tua valutazione sul 2-0 di venerdì scorso?

“Magrane ha lanciato la miglior partita dell'anno, è stato veramente molto bravo. Naturalmente la nostra speranza è che si possa ripetere, che riesca a mettere in piedi una prestazione simile a quella di una settimana fa, naturalmente con l'aiuto di tutta la squadra. Rivero? Anche lui a San Marino ha lanciato un'ottima gara, è stato un match molto equilibrato”.

 

Il box di battuta è letteralmente esploso sabato scorso...

“A dir la verità è già da Ronchi che si erano visti segnali di miglioramento in questo senso. Le ultime due partite che avevamo perso in regular season con Bologna avevano comunque testimoniato dello stato di salute dei battitori”.

 

Credi che Bologna possa subire un po' di pressione in gara3?

“La serie è sul 2-0 per noi, quindi hanno le spalle al muro. Di sicuro non molleranno perchè sono una squadra di assoluto valore che ha dimostrato grandi cose quest'anno. La chiave sarà cercare di trovare punti subito. Vedremo come andrà”.

 

Qual è lo stato di salute della squadra?

“Buono. A parte Cooper che è ancora da valutare gli altri sono tutti disponibili. La rotazione sul monte è naturalmente quella di sempre, per il resto siamo pronti ad affrontare questa sfida”.