logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
LA T&A E' SCONFITTA DA RIMINI IN GARA2 (7-11)
Domenica 15 Settembre 2013 11:51    PDF Stampa E-mail

Finisce così, con una doppia sconfitta, la stagione casalinga della T&A San Marino. Rimini è sopra 2-0 nella serie scudetto e avrà l'opportunità di giocare in casa venerdì prossimo. Le Italian Baseball Series, al meglio delle cinque partite, si trasferiscono in Romagna per un epilogo che può durare una (venerdì prossimo alle 21), due (sabato alle 21) o tre partite (domenica pomeriggio). Rimini ha il matchball in mano e con una vittoria potrebbe brindare allo scudetto. E la T&A? È sotto in maniera pesante, ma siamo sicuri che, ancora una volta, la reazione ci sarà. Appuntamento a venerdì, ma intanto guardiamo a come è andata questa gara2, con Rimini avanti 4-0, la T&A che recupera sul 4 pari e va nuovamente sotto. Il momento clou sul 7-4 per Rimini, con San Marino che al 7° recupera due punti e va vicina al sorpasso all'8°, ma la lunga battuta di Mazzuca con le basi piene finisce nel guanto di Zileri.

 

LA CRONACA - Si comincia con Tiago che subisce inaspettatamente tre punti nella ripresa d'apertura. Zileri si prende quattro ball, Santora va con una rimbalzante che sorpassa in maniera fortunosa Mazzuca e Romero che indovina il singolo interno dello 0-1. Inizio choc per la T&A, con Rimini che prosegue a martellare con la valida di Castro (0-2) e la rimbalzante in diamante di Gomez che fa entrare lo 0-3.

 

La T&A è scossa, ma prova a reagire subito con due singoli nella parte bassa del primo. Avagnina infila una valida in campo opposto, ma correndo verso la prima avverte un dolore alla gamba e si infortuna. Al suo posto subito Daniel Bittar e conseguente spostamento, dal 2° inning, di Vasquez esterno sinistro. Con Bittar in prima, Pantaleoni centra una valida interna ma il trio Vasquez-Ramos-Duran non riesce a portare a casa i compagni. Da Silva intanto comincia a macinare out ma l'attacco nel primo terzo di gara non produce più nulla.

 

Al 4° Gomez apre con un doppio, Buccheri lo fa avanzare in terza con una valida e Zileri mette il singolo che porta a casa un altro punto per Rimini. T&A sotto di 4 lunghezze con un Corradini che sembra in controllo. Nella parte bassa del 4°, però, ecco la prima vera reazione dei Titani: base a Duran, singolo di Reginato, doppio di Mazzuca sulla linea di foul a sinistra (1-4), valida di Imperiali (2-4), volata per Albanese (3-4) e valida anche di Bittar. Il manager ospite Catanoso decide che è tempo di sostituire Corradini e a salire sul monte è Carlos Pezzullo. Il rilievo riempie subito le basi concedendo la base ball a Pantaleoni, poi colpisce Ramos e dunque entra automaticamente il punto del pareggio (4-4). Ancora basi piene, ma Duran non riesce nel sorpasso (F9).

 

Ancora equilibrata, questa serie finale ha un ulteriore momento di svolta al 7°, quando Rimini fa scendere dal monte Da Silva. È il solito Zileri ad andare in base con un singolo e nell'azione avanza in terza su un errore della difesa. Dopo l'eliminazione in diamante di Santora e l'intenzionale a Romero, diventa decisivo per le sorti dell'incontro il triplo di Castro: due punti battuti a casa (4-6) e inerzia che torna dalle parti degli ospiti. Il doppio di Chiarini significa settimo punto riminese (4-7) e fine della partita di Tiago, con La Fera a fungere da “pompiere” (Gomez K e Spinelli 6-3).

 

Una vera mazzata, per di più con la fine della partita che si avvicina e con Ramos (F7) e Duran (K) che sono i primi due eliminati nella parte bassa del 7°. Al piatto c'è però Reginato, che come già successo a Bologna suona la carica con un lungo fuoricampo in mezzo. Scarica di adrenalina pura per la T&A, che recupera un punto di svantaggio (5-7) e torna a mordere nel box. Mazzuca è colpito e la valida di Imperiali vuol dire ulteriore riavvicinamento (6-7) e anche fine della partita di Patrone (salito al 5° dopo Pezzullo) e inizio di quella di Cherubini. Il giovane lanciatore concede la base ad Albanese ma chiude l'inning subito dopo con lo strike-out su Bittar.

 

All'8 ultima vera occasione per la T&A, che riempie le basi con la valida di Pantaleoni, la base a Duran e Reginato colpito. Momenti di tensione palpabile, con gli spettatori concentrati verso un solo giro di mazza che può fare la differenza in un senso o nell'altro. Mazzuca al piatto: il suo giro è potente, la pallina prende velocemente la strada degli esterni e i corridori intanto girano sulle basi. Zileri però fa una gran corsa verso la sua destra, ci arriva e completa l'eliminazione al volo. È il terzo out di una ripresa che poteva mandare San Marino in vantaggio di due punti e che invece si chiude con Rimini ancora avanti.

 

Al 9° poi gli ospiti chiudono definitivamente i conti con 4 punti: Romero colpito, base a Castro, triplo di Chiarini (6-9), doppio di Spinelli (6-10) e singolo di Bertagnon sul neo entrato Martignoni (6-11). Nella parte bassa la T&A comincia bene (valide di Imperiali e Albanese), ma finisce solo per produrre una volata e un unico punto per il 7-11 finale.

 

T&A SAN MARINO-RIMINI 7-11

 

RIMINI: Zileri ec (2/4), Santora ss (1/5), Romero es (2/3), Castro 3b (2/4), Chiarini ed (2/5), Gomez 2b (1/5), Spinelli 1b (1/5), Bertagnon r (2/5), Buccheri dh (1/5).

T&A: Avagnina (Bittar2/5) es (1/1), Pantaleoni 3b (2/3), Vasquez ss (0/6), Ramos dh (0/4), Duran ec (0/3), Reginato ed (2/4), Mazzuca 1b (1/4), Imperiali 2b (3/4), Albanese r (1/3).

 

RIMINI: 300 100 304 = 11 bv 14 e 1

T&A: 000 400 201 0 = 7 bv 12 e 2

 

LANCIATORI: Corradini (i) rl 3.1, bvc 6, bb 3, so 3, pgl 4; Pezzullo (r) rl 0.2, bvc 0, bb 1, so 1, pgl 0; Patrone (W) rl 2.2, bvc 3, bb 0, so 1, pgl 2; Cherubini (S) rl 2.1, bvc 3, bb 2, so 1, pgl 1; Da Silva (L) rl 6.1, bvc 11, bb 2, so 4, pgl 7; La Fera (r) rl 2.1, bvc 2, bb 1, so 2, pgl 4; Martignoni ® rl 0.0, bvc 1, bb 0, so 0, pgl 0; D'Amico (f) rl 0.1, bvc 0, bb 0, so 0, pgl 0.

 

NOTE: fuoricampo di Reginato (1p. Al 7°). Tripli di Castro e Chiarini. Doppi di Gomez, Chiarini, Spinelli e Mazzuca.