logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
IBL 1
ALLA T&A ARRIVA JOSH KIMBOROWICZ
Lunedì 29 Maggio 2017 18:10    PDF Stampa E-mail

È arrivato oggi a San Marino, ed è già a disposizione dello staff tecnico T&A per questo weekend a Parma, il pitcher di passaporto italiano (non ASI) Josh Kimborowicz. Destro di 1.90, Kimborowicz ha 25 anni ed è nativo di Seattle.

Per lui i primi impegni nelle minors americane sono arrivati nel 2013, in Rookie League, con i Princeton Rays, poi nel 2014 un buon numero di gare (21) in singolo A tra Bowling Green e Hudson Valley, con 2.55 di ERA totale e 35 strike-out in 42 inning. Nel 2015 passa ai Charlotte Stone Crabs (A+) con i quali colleziona 37 presenze e 44.2 inning, con un più che lusinghiero 2.01 di ERA. Infine il 2016, nel quale si divide tra Ogden Raptors e Southern Illinois Miners. In particolare, proprio con i Miners, arrivano dieci partite tutte da partente con 8 vittorie e 0 sconfitte, insieme a una media ERA di 2.34. Firmato dai Dodgers, ha una buona palla veloce ed è a disposizione della T&A per campionato e Coppa.

 
LA T&A BATTE PADOVA 5-2 E VOLA IN TESTA
Sabato 27 Maggio 2017 23:42    PDF Stampa E-mail

La T&A fa doppietta anche a Vicenza, sede di gioco temporanea di Padova, e approfitta della sconfitta di Bologna per raggiungere i felsinei in testa alla classifica con 11 vittorie e 3 sconfitte. In gara2 i Titani battono Padova 5-2, recuperando lo svantaggio iniziale con due punti al 4° inning, due al 7° e uno all’8°. Il vincente è Oberto, questa volta anche partente. Nel box, da segnalare le tre valide di Erik Epifano sulle cinque totali di squadra.

Al Tommasin Padova bastano due singoli di Pacini e Teahen, con in mezzo l’avanzamento sulla rimbalzante di Martone, per andare avanti 1-0 al primo inning. La T&A ci rimane un po’ così e nei primi tre inning non ci sono sussulti e reazioni. Al 4° però sì e l’accelerata basta per pareggiare e sorpassare. Ermini è bravo a guadagnare la base ball in apertura di ripresa dopo un lungo turno nel box, la legnata di Epifano vale un doppio e, dopo le eliminazioni di Chiarini (F7) e Morreale (6-3), ad Avagnina viene concessa la base ball che riempie i cuscini. Cit, nel box, lima un’altra base ball che vale l’1-1 automatico, mentre Babini trova una valida interna per il 2-1. Piccoli segnali di una T&A che vuole fortemente portare a casa questo match con le unghie e con i denti.

Sul monte di lancio Oberto e Florian viaggiano tranquilli e così, al 7°, la T&A allunga in maniera decisiva. Babini apre con una base ball, ruba la seconda e avanza in terza sulla rimbalzante di Ferrini. Dopo Fabiani e Spada, Padova propone sul monte Bazzarini, che esordisce eliminando Poma, ma poi concede la base a Ermini e soprattutto è il responsabile del lancio pazzo che fa correre Babini dalla terza a casa per il 3-1 sammarinese. Non solo, perché altre tre basi ball di fila (Epifano, Chiarini e Morreale) valgono un altro punto automatico, quello del 4-1 T&A. All’8° arriva anche il 5-1 (base a Babini, singolo di Ferrini, rimbalzante di Poma), poi anche il secondo punto veneto (base a Pacini, doppio di Martone su Cherubini e grounder di Teahen).

Il risultato però è in ghiaccio, San Marino non rischia e porta a casa il match.

TOMMASIN PADOVA – T&A SAN MARINO 2-5

T&A: Poma ec (0/5), Ermini es (0/3), Epifano ss (3/4), Chiarini dh (0/4), Morreale 1b (0/4), Avagnina ed (0/3), Cit r (0/3), Babini 2b (1/2), Ferrini 3b (1/4).

PADOVA: Pacini 1b (2/3), Martone ss (2/4), Teahen 3b (1/4), Medoro r (0/4), Montalbetti ed (0/3), Sanson 2b (0/4), Novello es (0/4), Canache (Turioni 0/1) dh (1/2), Berini ec (0/3).

T&A: 000 200 210 = 5 bv 5 e 0

TOMMASIN: 100 000 010 = 2 bv 6 e 1

LANCIATORI: Oberto (W) rl 5, bvc 4, bb 0, so 7, pgl 1; Florian (r) rl 2, bvc 1, bb 1, so 3, pgl 0; Cherubini (f) rl 2, bvc 1, bb 1, so 3, pgl 1; Fabiani (L) rl 5, bvc 3, bb 4, so 5, pgl 2; Spada (r) rl 1.1, bvc 0, bb 1, so 0, pgl 1; Bazzarini (r) rl 0.1, bvc 0, bb 4, so 0, pgl 1; Tebaldi (f) rl 2.1, bvc 2, bb 1, so 1, pgl 1.

NOTE: doppi di Epifano, Canache e Martone. 

 
PADOVA-T&A 6-8 IN GARAUNO
Venerdì 26 Maggio 2017 22:49    PDF Stampa E-mail

A Vicenza, casa temporanea del Tommasin Padova, la T&A va incontro a una partita strana, con tanti errori, tanti punti e un saliscendi infinito di emozioni. A vincere però sono Albanese e compagni, bravi e con l’istinto del killer nel momento giusto. Nell’8-6 finale il vincente è Ascanio, perdente Canache. Nel box, da segnalare il 3/5 con triplo di Mario Chiarini. In totale, nel match, 14 punti, 17 valide (11 della T&A) e 9 errori (4 per i Titani).

Dopo un primo inning nel quale si fa notare il rientrante Epifano con un doppio, è nel secondo che le due squadre assestano colpi vigorosi. Albanese tocca un singolo, Imperiali lo accompagna in base dopo quattro ball e Avagnina li sposta entrambi in posizione punto con un sacrificio. Dopo i quattro ball di Novoa a Ferrini, Pulzetti si trova in una situazione di basi piene e un out. Il terza base della T&A è subito fondamentale con un singolo che fa entrare due punti, con Poma che poi arrotonderà il punteggio sul 3-0 grazie a una volata di sacrificio. Al cambio di campo Padova è scatenata su Quevedo, tocca tre singoli consecutivi con Perdomo, Medoro e Montalbetti (1-0) e trova, dopo lo strike out su Sanson, il doppio del 3-0 di Marinig.

Le acque si calmano? Niente affatto, perché la T&A al 3° è di nuovo pronta a passare avanti grazie al singolo di Chiarini che manda a punto Epifano, in base dopo quattro ball. La T&A, avanti 4-3, a questo punto è brava a congelare la partita. Fino al 7°, infatti, l’unico sussulto arriva coi due uomini in posizione punto dei Titani al 5°, con Avagnina che però è il terzo out al piatto.

Al 7°, invece, tutto torna in discussione. Prima è la T&A a sprecare tanto (singolo di Ermini, doppio gioco su Epifano, triplo di Chiarini, base ad Albanese e Imperiali strike-out dal neo entrato Canache), poi è Padova a impattare. Dopo i 5 inning di Quevedo e il 6° del rientrate Camacho, al 7° è la volta di Perez. Su di lui Montalbetti è bravo prima a guadagnare quattro ball, poi ad avanzare fino in terza (rubata e lancio pazzo) e infine andare a segnare il 4-4 (errore della difesa).

Poco male, perché la T&A prova a dare un altro strattone alla gara all’8° con due punti (singolo da due pbc di Ermini, 6-4), salvo poi vedere Padova rosicchiare ancora qualcosa nella parte bassa della stessa ripresa (lancia Ascanio, decisivi due errori della difesa e poi una grounder di Montalbetti per il 6-5).

Il giro in giostra non è finito, manca un inning. La T&A, per non rischiare sorprese, decide di spingere ancora il piede sull’acceleratore: Albanese è in base su errore della difesa, poi ecco singolo di Imperiali e, con due out, la fondamentale valida a destra di Ferrini, una legnata che fa entrare settimo e ottavo punto (8-5).

Nella parte bassa del nono Ascanio subisce il primo pgl della sua carriera italiana (base a Novello, rubata e singolo di Martone per l’8-6), ma poi, con due uomini in posizione punto e due fuori, è glaciale nell’eliminare al piatto Sandalo per l’ultimo out della partita. La T&A vince 8-6.

TOMMASIN PADOVA – T&A SAN MARINO 6-8

T&A: Poma ec (0/4), Ermini es (2/4), Epifano ss (1/4), Chiarini dh (3/5), Albanese r (1/4), Imperiali 1b (1/4), Avagnina ed (0/4), Ferrini 2b (2/3), Pulzetti 3b (1/3).

PADOVA: Berini ec (0/4), Martone 2b/ss (1/5), Teahen 3b (1/5), Perdomo (Tebaldi es 0/0, Sandalo 0/1) ss (1/4), Medoro ed/r (1/4), Montalbetti es/ed (1/2), Sanson 1b/2b (0/4), Marinig (Pacini es 0/2) r (1/1), Novello dh (0/3).

T&A: 031 000 022 = 8 bv 1 e 4

TOMMASIN: 030 000 111 = 6 bv 6 e 5

LANCIATORI: Quevedo (i) rl 5, bvc 4, bb 1, so 9, pgl 3; Camacho (r) rl 1, bvc 0, bb 0, so 0, pgl 0; Perez (r) rl 0.2, bvc 0, bb 3, so 2, pgl 0; Ascanio (W) rl 2.1, bvc 2, bb 1, so 3, pgl 1; Novoa (i) rl 6.2, bvc 8, bb 4, so 6, pgl 3; Canache (L) rl 2.1, bvc 3, bb 1, so 4, pgl 0.

NOTE: triplo di Chiarini, doppi di Epifano e Marinig.

 
QUARTA GIORNATA, PADOVA VS T&A
Giovedì 25 Maggio 2017 09:26    PDF Stampa E-mail

C’è Padova sulla strada della T&A San Marino in questa seconda parte di maggio. Si gioca a Vicenza, sede temporanea di gioco della formazione patavina, e le due gare avranno come playball le 20.30 di domani, venerdì 26, e le 20.30 di dopodomani, sabato 27. La T&A sta recuperando gli infortunati ed è questa, assieme alle due vittorie ottenute con Padule nello scorso weekend, la migliore notizia.

“Camacho si sta rimettendo quasi totalmente e potrebbe essere utilizzato già in questo fine settimana – commenta il manager, Marco Nanni -. L’edema gli ha creato problemi ma ora è quasi tutto risolto. In ogni caso valuteremo naturalmente con attenzione. In più rientrerà Epifano dopo l’assenza dell’ultimo periodo”.

Come hai valutato le due vittorie con Padule?

“Bene, abbiamo avuto un buon approccio è questo è fondamentale. Lo è stato con Padule e lo sarà anche da adesso in poi. Siamo stati sempre in controllo, anche nella prima parte della seconda partita, quando non stavamo battendo tanto. La classifica di Padule, obiettivamente, non è bella, ma nelle ultime settimane hanno fatto vedere decisi miglioramenti e si sono giocati sempre le partite fino alla fine, bene in difesa e con i lanciatori in crescita. Noi siamo stati bravi a non prenderli sottogamba”.

In questo weekend affronterete Padova…

“Buona squadra. Sicuramente non quella degli anni passati, ma comunque una formazione con dei valori. Perdomo (300 di media battuta, ndr), Pacini (326) e Berini (393), ad esempio, stanno rendendo molto e noi dovremo stare attenti. Vincere aiuta a vincere, vogliamo proseguire nel trend positivo”.

Quanto è importante mettere fieno in cascina in questa fase della stagione?

“Molto, ma più di tutto è importante mantenere l’attitudine e l’atteggiamento giusto. Vincere o perdere sono altre cose, la questione fondamentale è affrontare tutte le partite con la mentalità corretta”.

Come hai visto Ascanio?

“Il pitcher che cercavo e che a me piace avere nel bullpen, uno di quelli capaci di trasmettere fiducia, questione niente affatto secondaria”.

La rotazione dei partenti rimarrà la stessa?

“In garauno ci sarà Quevedo, mentre nella seconda partita stiamo valutando se far partire Oberto dall’inizio”.

 


Pagina 5 di 103