logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
IBL 1
LA T&A VINCE A NETTUNO CON SUPER POMA
Sabato 13 Maggio 2017 08:08    PDF Stampa E-mail

Due tripli, cinque punti battuti e casa e vittoria. Nome e cognome? Sebastiano Poma. C’è la firma in calce dell’esterno centro della T&A sulla vittoria dei Titani in gara1 a Nettuno. Prima il giro di mazza che vale due punti nella parte alta del terzo (2-0) poi, dopo il ribaltone nettunese al cambio di campo (2-3), ecco un altro triplo, questa volta da tre punti, al 7° (5-3). Sul monte il vincente è Carlos Quevedo, mentre la salvezza è di Nick Morreale.

All’inizio la sfida sul monte è tra Uviedo e Quevedo con la partita che comincia, guarda un po’, con un singolo di Poma. L’inning non produce punti per la T&A, che poi si salva nella parte bassa del primo nonostante il doppio di Giannetti e la base a Bermudez (primi 3 K dei 10 di Quevedo). Il botta e risposta arriva al 3°: prima col triplo da due punti di Poma per il 2-0 (Imperiali in base su errore e singolo interno di Pulzetti), poi con la rimonta nettunese per il 2-3 (singoli di Mercuri e Bermudez, doppio di Mazzanti, singolo anche di Giordani).

Poi quasi nulla, tranne un altro rischio corso dalla T&A al 5°, quando Retrosi apre l’inning con un doppio ma i compagni non riescono a portarlo a casa. Al 7° i punti della rimonta e della vittoria T&A arrivano con due out e nessun uomo in base. Tengono viva la ripresa Avagnina (singolo), Imperiali (base ball) e Pulzetti (altro singolo interno che riempie i cuscini). La cambia totalmente invece Sebastiano Poma, che su conto pieno spara un'altra battuta lunga, a sinistra, che si trasforma in un triplo e porta a casa tutti gli uomini in base per il 5-3 definitivo.

Al 7° sul monte sammarinese è la volta di Perez, che fa il suo lavoro e non concede arrivi in base. All’8° invece ecco Camacho, che completa un’eliminazione ma poi deve uscire per una pallata. È la volta del quarto pitcher di giornata per la T&A, Morreale. Nick ha un inizio sfortunato (errore della difesa su Mazzanti, poi singolo di Giordani), la difesa completa un out sulla rimbalzante di Luna ma Nettuno riempie le basi con i quattro ball a Colagrossi. È il momento decisivo e il rilievo della T&A salva tutto eliminando al piatto Trinci. Al 9° nessun pericolo, la T&A vince 5-3.

ANGEL SERVICE NETTUNO – T&A SAN MARINO 3-5

T&A: Poma ec (3/5), Ferrini ss (0/3), Ermini 1b (1/4), Chiarini dh (0/4), Albanese r (1/4), Reginato ed (1/4), Avagnina es (1/4), F. Imperiali 2b (1/3), Pulzetti 3b (2/4).

NETTUNO: Retrosi ec (1/4), Giannetti 1b (1/5), Bermudez es (1/3), Mazzanti 3b (1/3), Giordani ed (2/4), Luna 2b (0/4), R. Imperiali (Colagrossi) dh (0/3), Trinci r (0/4), Mercuri ss (1/4).

T&A: 002 000 300 = 5 bv 10 e 2

NETTUNO: 003 000 000 = 3 bv 7 e 1

LANCIATORI: Quevedo (W) rl 6, bvc 6, bb 2, so 10, pgl 3; Perez (r) rl 1, bvc 0, bb 0, so 2, pgl 0; Camacho (r) rl 0.1, bvc 0, bb 0, so 0, pgl 0; Morreale (S) rl 1.2, bvc 1, bb 1, so 2, pgl 0; Uviedo (L) rl 7, bvc 7, bb 2, so 7, pgl 4; Modica (r) rl 2, bvc 3, bb 0, so 0, pgl 0.

NOTE: due tripli di Poma; doppi di Retrosi, Giannetti e Mazzanti.

 
WEEKEND A NETTUNO PER LA T&A
Giovedì 11 Maggio 2017 10:04    PDF Stampa E-mail

Viaggia verso Nettuno, la T&A. Gli uomini di Marco Nanni affrontano la prima giornata di seconda fase con la stessa strutturazione di una settimana fa. Erik Epifano, infatti, non è ancora recuperato, mentre José Ascanio arriverà la settimana prossima. Si gioca domani, venerdì 12, e dopodomani, sabato 13. Playball sempre alle 20.30.

Con Marco Nanni torniamo per un momento allo scorso fine settimana, con una gara1 del tutto diversa da gara2, seppure in entrambi i casi la T&A sia uscita dal campo sconfitta…

“Chi vince merita, partiamo da qui – commenta il manager dei Titani -. In gara1 non abbiamo sfruttato gli uomini in base, siamo stati meno decisi e cinici di altre volte. In una gara punto a punto come quella, riuscire a fare la giocata di routine nel momento decisivo diventa fondamentale. Peccato, non siamo riusciti a girarla in nostro favore. Gara2? Florian arrivava da una settimana complicata e in più le cose nei primi inning non gli sono andate bene. Ha faticato a rientrare nel suo standard e poi in generale Rimini è scappata subito via nel punteggio”.

La prossima settimana arriverà José Ascanio, che tipo di lanciatore è?

“Ha dalla sua tanta esperienza in Triplo A e Major League, quindi ad un livello più che eccellente. La sua principale caratteristica è l’aggressività e la velocità di palla: è un rilievo, ha sempre fatto quello. Arriva abbastanza pronto, visto che ha giocato a Panama fino a poco fa. Al momento dovrebbe avere nel braccio 40 lanci e in Coppa sarà utilissimo”.

In campionato, in questo fine settimana, la T&A va a Nettuno

“Si tratta di una squadra che ha italiani di qualità. Giordani sta mettendo a frutto ciò che ha imparato, Colagrossi è un ottimo prospetto. Una rosa notevole la loro. Sarà una trasferta indubbiamente difficile, sono supportati da un grande tifo e nella loro arena danno il meglio. Noi dovremo mettere in campo subito una grande prestazione in gara1”.

 
ALLA T&A ARRIVA IL PITCHER JOSE ASCANIO
Martedì 09 Maggio 2017 21:57    PDF Stampa E-mail

Ha compiuto 32 anni sette giorni fa, il 2 maggio. È venezuelano, è un habitué di Triplo A, Lega venezuelana e ha pure bagnato il naso in Major League. Si tratta di JOSE ASCANIO e dalla prossima settimana sarà a tutti gli effetti un componente della T&A San Marino. I Titani ingaggiano così un pitcher destro alto 1.80 che ha iniziato la sua carriera, a 18 anni (nel 2003), nell’organizzazione degli Atlanta Braves in Rookie League.

Nativo di Maracay, in Venezuela, Ascanio viaggia tra singolo A, doppio A e Lega invernale venezuelana fino a che arriva la chiamata che ogni giocatore sogna, quella per calcare davvero i diamanti della miglior Lega del mondo. L’anno è il 2007, il giorno è il 13 luglio, Ascanio ha 22 anni e l’inning giocato è il 9° in una vittoria per 9-1 dei suoi Braves contro Pittsburgh.

Nel dicembre del 2007 il cartellino passa ai Chicago Cubs e da lì in poi c’è tanto triplo A nella sua carriera, con qualche salto periodico ancora in Major League. La sua carriera in Mlb lo vede vestire anche le maglie di Pirates e Dodgers, con un totale di 43 gare giocate (1 vinta e 3 perse) e 5.28 di ERA in 46 inning.

Dal 2013 comincia a frequentare il triplo A messicano e si divide con la terra natia, quanto a campionati giocati. In totale, nelle minors americane (tanto AAA), 23 vinte e 18 perse con 3.87 di ERA. Tra Messico e Venezuela combina invece per 26 vittorie e 19 sconfitte con 2.85 di ERA. Nel 2014 è stato a Tijuana (AAA Mex), Monclova (AAA Mex) e Caracas (Winter League venezuelana). Nel 2015 a Oaxaca (AAA Mex) e Caracas. Stessa cosa nel 2016.

La T&A San Marino dà il benvenuto a Jose Ascanio, dalla prossima settimana a disposizione di Marco Nanni per i prossimi impegni agonistici.

 
GARA2, T&A-RIMINI 0-6
Sabato 06 Maggio 2017 22:42    PDF Stampa E-mail

A Serravalle vince ancora Rimini. La T&A, che aveva battagliato in una gara equilibrata 24 ore prima, questa volta va subito sotto e non riesce a reagire. Sotto il diluvio, Rimini è già avanti 4-0 al 3° e porta a casa il match con un 6-0. Il vincente è Richetti, perdente Florian.

Al primo inning Rimini va avanti. Noguera tocca un singolo, avanza sulla rimbalzante di Garbella ed è in terza su palla mancata. Dopo la base a Celli, è una doppia rubata seconda-casa a mandare i Pirati avanti 1-0. Un vantaggio ridotto ma la T&A in attacco questa volta non c’è, tanto che nei primi otto inning arrivano solo tre valide, due di Poma e una di Morreale.

Al 3° gli ospiti passano ancora: quattro valide, una base ball e un lancio pazzo producono tre punti, col 4-0 a tabellone che adesso è ben più preoccupante. Al 6° Malengo è colpito al volto (dovrà uscire, in ospedale per accertamenti), con Rimini che arrotonda grazie al singolo di Noguera e alla valida del 5-0 di Garbella. Il punto finale, quello del 6-0, arriva al nono col doppio di Duran che manda a punto Garbella.

Proprio nell’ultimo inning arriva un piccolo sussulto della T&A, che riempie le basi con due out grazie a doppio di Chiarini, singolo di Imperiali e base a Reginato. Non è sufficiente, perché la linea di Ermini è sfortunata e non passa gli interni (out al volo da Zappone). Rimini vince 6-0.

T&A SAN MARINO-RIMINI 0-6

RIMINI: Infante ss (1/4), Noguera 2b/ed (4/5), Garbella ed/1b (3/5), Celli es (1/4), Duran ec (2/5), Caseres dh (2/4), Bertagnon r (0/5), Malengo (Zappone 2b 0/2) 1b (0/2), Di Fabio 3b (0/4).

T&A: Poma ec (2/4), Ferrini ss (0/3), Ermini es (0/4), Chiarini dh (1/4), Imperiali 2b (1/4), Reginato ed (0/3), Morreale 1b (1/4), Cit r (0/3), Pulzetti 3b (0/3).

RIMINI: 103 001 001 = 6 bv 13 e 1

T&A: 000 000 000 = 0 bv 5 e 2

LANCIATORI: Richetti (W) rl 5, bvc 3, bb 0, so 4, pgl 0; Escalona (r) rl 2, bvc 0, bb 1, so 0, pgl 0; Di Raffaele (r) rl 1, bvc 0, bb 0, so 0, pgl 0; Del Bianco (f) rl 1, bvc 2, bb 1, so 0, pgl 0; Florian (L) rl 3, bvc 5, bb 2, so 3, pgl 3; Cherubini (r) rl 4, bvc 5, bb 1, so 4, pgl 1; Oberto (f) rl 2, bvc 3, bb 0, so 1, pgl 1.

NOTE: doppi di Duran, Poma e Chiarini.

 


Pagina 7 di 103