logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
IBL 1
TORNA LA IBL, LA T&A OSPITA NOVARA
Giovedì 15 Giugno 2017 11:43    PDF Stampa E-mail

Torna il campionato e per la T&A è un nuovo inizio, un riprendere il filo del discorso dalla pausa di due settimane fa. I Titani ospitano Novara per due match da giocarsi a Serravalle domani, venerdì 16 giugno, e dopodomani, sabato 17, con playball sempre alle 20.30. Siamo alla sesta giornata della seconda fase.

“È sempre baseball e la partita di domenica scorsa, con Amsterdam, per noi deve essere un punto di partenza – commenta il manager Nanni -. Vogliamo arrivare, da protagonisti, il più lontano possibile in questa Italian Baseball League. La Coppa? È chiaro, un po’ di amarezza c’è, ma non delusione. La finale poteva essere alla nostra portata, ma non l’abbiamo raggiunta”.

Decisivi un paio di momenti…

“Soprattutto due inning sono stati negativi per noi, quello con l’L&D e poi quello con Rotterdam. Peccato, ma per quattro quinti della settimana sono contento di quello che hanno dato i ragazzi. Nessuno s’è tirato indietro. Il 3° posto? Al di là delle rotazioni prestabilite è stata partita vera, con tutte le giocate che si vedono in un match ordinario. Bene così”.

Come sta la squadra?

“Siamo ancora senza Simone Albanese, per il resto sono da verificare una serie di acciacchi. I pro e i contro di una settimana di Coppa sono chiari: noi, al contrario di Novara, abbiamo mantenuto e sicuramente aumentato un certo ritmo partita. Poi però siamo un po’ acciaccati e dobbiamo tornare in piena salute”.

La classifica, attualmente, racconta di una T&A prima a braccetto con Bologna (12 vinte e 4 perse), con Nettuno subito dietro (11-5), Rimini quarta (9-7), poi Novara e Parma (7-9) prima di Padova (4-12) e Padule (2-14).

“Novara è una contender ai primi quattro posti e il presidente Pillisio ha dimostrato di non voler lasciare nulla di intentato in questa caccia ai playoff. Il roster è di qualità ma noi dovremo subito farci sentire e dare tutto a partire dalla prima gara. Bisogna riprendere un cammino positivo, le insidie sono sempre dietro l’angolo”.

 
T&A TERZA COL 7-3 SU AMSTERDAM
Domenica 11 Giugno 2017 21:57    PDF Stampa E-mail

Nella finale per il terzo-quarto posto, la T&A San Marino ha la meglio sui Campioni in carica dell’L&D Amsterdam per 7-3 e conclude il torneo continentale in terza posizione. Una vittoria frutto delle 12 valide di squadra e della buona prestazione corale di un monte di lancio che ha visto l’utilizzo di Quevedo, Florian, Camacho, Perez e Oberto.

Già al 2° inning la T&A riesce a passare. C’è Chiarini che va col singolo, Imperiali che lo segue con la base ball, Avagnina che porta a casa l’1-0 con una rimbalzante in diamante e l’errore su Babini che decreta il 2-0. Al 3° una volata di sacrificio di Urbanus dimezza le distanze (1-2), ma i Titani nella parte bassa della stessa ripresa ristabiliscono il margine precedente con un fuoricampo di Erik Epifano, un homer che vale il 3-1.

Botta e risposta, proprio come al 5°. Prima Amsterdam riesce a trovare i due punti del pareggio (doppio del 3-3 di Urbanus, ancora lui), poi la T&A riallunga fino al 5-3 con i punti battuti a casa da Imperiali (singolo) e Cit (volata). Una gara a ping pong per il podio continentale. Un match che la T&A merita di portare a casa perché nell’ultima parte è molto più concreta sul monte e al 6° ha pure il merito di allungare sul 7-3. I due punti della sicurezza arrivano da singolo di Babini, doppio di Pulzetti, lancio pazzo (6-3) e volata di Poma (7-3).

La T&A conclude la settimana europea al terzo posto. La Coppa la vince il Neptunus Rotterdam, seconda Bologna.

T&A SAN MARINO – L&D AMSTERDAM 7-3

L&D: Jongerius ed (1/2), Z. Croes ss (0/4), Urbanus 2b (2/4), Lampe ec (0/4), Berkenbosch dh (1/3), L. Croes es (1/4), Bok 1b (0/4), Gerard (Clarijs 0/1) r (0/3), Aussems 3b (2/3).

T&A: Poma ec (0/3), Ermini (Morreale es/ed 1/2) es (0/3), Epifano ss (2/5), Chiarini dh (2/3), Imperiali 1b (2/3), Cit r (0/3), Avagnina ed/es (0/4), Babini 2b (3/4), Pulzetti 3b (2/4).

L&D: 001 020 000 = 3 bv 7 e 2

T&A: 021 022 00X = 7 bv 12 e 3

LANCIATORI: Heijstek (L) rl 4.2, bvc 7, bb 2, so 5, pgl 3; Veltkamp (r) rl 2.1, bvc 3, bb 0, so 1, pgl 2; Walsma (f) rl 1, bvc 2, bb 1, so 0, pgl 0; Quevedo (i) rl 4, bvc 2, bb 2, so 3, pgl 1; Florian (r) rl 1, bvc 2, bb 0, so 1, pgl 1; Camacho (W) rl 2, bvc 1, bb 0, so 2, pgl 0; Perez (r) rl 1, bvc 1, bb 0, so 2, pgl 0; Oberto (f) rl 1, bvc 1, bb 0, so 1, pgl 0.

NOTE: fuoricampo di Epifano (1p. al 3°). Doppi di Urbanus, Berkenbosch e Pulzetti.

CLASSIFICA FINALE

1 – Curaçao Neptunus Rotterdam

2 – Fortitudo Bologna

3 – T&A San Marino

4 – L&D Amsterdam

5 – Rouen Huskies

5 – Baseball Rimini

7 – Mainz Athletics

8 - Buchbinder Legionaere Regensburg

 
NEPTUNUS-T&A 7-1, OGGI FINALE 3°-4° POSTO ALLE 16
Domenica 11 Giugno 2017 10:26    PDF Stampa E-mail

La semifinale col Neptunus è amara. La T&A va sotto 0-2, resta in piedi, resiste per buona parte della gara ma affonda sui 5 punti di Rotterdam al settimo inning che chiudono ogni discorso. Peccato, soprattutto perché nel conteggio delle valide totali spunta un 8-8 beffardo, ma spiegabile con la mancata capacità, questa volta, di essere cinici al momento giusto contro un avversario comunque super. Finisce 7-1.

Il partente per i Titani è Kimborowicz, mentre il Neptunus propone sulla collinetta Diegomar Markwell, che finirà con un complete game da 121 lanci. La storia della gara, anche all’inizio, è quella di una T&A che riesce a infastidire il pitcher avversario ma diluendo troppo le valide. Un singolo al primo inning, due al secondo, uno al quinto, uno al settimo e uno all’ottavo, con zero basi ball guadagnate nei primi otto inning e zero errori olandesi. Difficile, complicato, ma la T&A prova comunque a restare in piedi e a resistere. Dopo tre inning molto buoni, Kimborowicz a inizio quarto è colpito al cuore dai due doppi consecutivi di Dille e Diaz per l’1-0 Neptunus. Il partente T&A chiude comunque bene l’inning, completa il primo out al quinto ma poi ancora un doppio, questa volta di Fernandes, segna la fine della sua partita. Su Perez, entrato al suo posto, c’è il bunt di Daantji che porta in terza il corridore, mentre è un lancio pazzo a firmare il 2-0 per gli olandesi.

La gara, già complicata, si chiude al 7° con cinque punti per il Neptunus. Con basi piene e un out è la volta di Ascanio, che però questa volta non riesce a salvare la situazione. Arrivano in sequenza singolo di Diaz (3-0), Kemp colpito (4-0), singolo di Muller (6-0) e lancio pazzo (7-0). Adesso è finita davvero e a nulla vale il punto segnato dai Titani al 9°, con la volata di sacrificio di Avagnina a basi piene che fissa il 7-1 finale. Neptunus in finale con Bologna per il titolo europeo, T&A a giocarsi il 3°-4° posto con Amsterdam oggi alle 16.

CURACAO NEPTUNUS ROTTERDAM – T&A SAN MARINO 7-1

T&A: Ferrini (Babini) 2b (1/4), Poma ec (1/4), Epifano ss (0/4), Chiarini dh (1/4), Imperiali 1b (3/4), Morreale r (1/3), Reginato (Avagnina 0/1) ed (0/2), Ermini es (1/4), Pulzetti 3b (0/3).

NEPTUNUS: Van Der Meer 3b (0/4), Dille 2b (1/3), Diaz ed (2/4), Kemp ss (0/3), Boekhoudt r (0/2), Muller 1b (2/4), Verkerk dh (1/4), Fernandes es (2/4), Daantji ec (0/3).

T&A: 000 000 001 = 1 bv 8 e 1

NEPTUNUS: 000 110 50X = 7 bv 8 e 0

LANCIATORI: Kimborowicz (L) rl 4.1, bvc 4, bb 1, so 4, pgl 2; Perez (r) rl 2, bvc 2, bb 2, so 2, pgl 1; Ascanio (r) rl 0.1, bvc 2, bb 0, so 0, pgl 2; Cherubini (f) rl 1.1, bvc 0, bb 0, so 1, pgl 0; Markwell (W) rl 9, bvc 8, bb 1, so 6, pgl 1.

NOTE: doppi di Dille, Diaz e Fernandes.

 
COPPA, LA T&A BATTE RIMINI ED E' IN SEMIFINALE
Venerdì 09 Giugno 2017 19:41    PDF Stampa E-mail

Senza pathos non è bello. Con le emozioni, quelle vere, si vola. Si va avanti, la Coppa non è finita e la T&A è in semifinale. I Titani vanno avanti 2-0 e poi sotto 2-3, riagganciano Rimini sulla parità ma poi rischiano grosso al 9° e solo un out a casa con perfetta assistenza impedisce a Infante di segnare il punto della vittoria dei Pirati. Il tie-break poi è senza storia e la partita finisce 6-3 per la T&A ma prima c’era stata una gara dura, vibrante.

San Marino, con Camacho partente, va avanti 2-0 segnando un punto al 1° (triplo di Poma e grounder di Chiarini) e uno al 2° (doppi di Morreale ed Ermini). Rimini però non ci sta, reagisce e passa sopra tra seconda e terza ripresa. Prima l’1-2 arriva grazie a una base ball a Celli a basi piene (poi Infante è il terzo out al piatto), poi il 3-2 si materializza con tre valide (doppi di Garbella e Duran) e la rimbalzante di Noguera. La T&A, scossa, produce abbastanza poco, ma al 6° due singoli di Epifano e Chiarini permettono a Imperiali di portare a casa il 3-3, pur con una battuta in doppio gioco.

Match teso, incredibilmente emozionante, con Ascanio a raccogliere il testimone all’8° dopo una buona parte centrale di Oberto. Al 9° sembra obiettivamente andata. L’attacco sammarinese si chiude velocemente, quello riminese si apre con la base ball di Ascanio a Infante e l’avanzamento in seconda su bunt. È la giocata successiva a salvare la T&A. La battuta di Caseres, classificata come un doppio, fa correre Infante. Il giocatore di Rimini gira la terza e prova la corsa a casa: pestare il piatto di casa base significherebbe vittoria, ma l’assistenza è perfetta e il tocco di Morreale elimina l’avversario. Dopo una lunga pausa, l’inning si chiude in fretta e al 9° non c’è storia. La T&A dilaga con tre punti. La regola chiama uomo in prima, uomo in seconda e zero out. Ermini è salvo in prima per un errore di guanto di Duran all’esterno centro. Basi piene e zero out, con la grounder di Avagnina che produce l’out a casa ma subito dopo ecco il lancio pazzo del 4-3. Base ball a Ferrini e Poma che, con un’altra rimbalzante, fa entrare il 5-3. E il 6-3? Frutto di un singolo di Ermini. Basta e avanza, nella parte bassa Ascanio lascia a secco le mazze avversarie e la T&A è in semifinale contro il Neptunus Rotterdam.

RIMINI BASEBALL – T&A SAN MARINO 3-6 (10°)

T&A: Ferrini 2b/3b (0/3), Poma ec (1/5), Epifano ss (2/5), Chiarini dh (2/5), Imperiali 1b/2b (1/4), Morreale r (1/4), Reginato ed (0/4), Ermini es/1b (1/3), Pulzetti (Avagnina es 0/1) 3b (1/3).

RIMINI: Celli es (1/5), Infante (Zappone 2b) ss (1/4), N. Garbella 1b (2/4), Caseres dh (1/5), Duran ec (2/4), G. Garbella ed (2/4), Noguera 2b/ss (0/5), Bertagnon r (2/5), Di Fabio 3b (0/3).

T&A: 110 001 000 3 = 6 bv 8 e 1

RIMINI: 012 000 000 0 = 3 bv 11 e 1

LANCIATORI: Camacho (i) rl 3, bvc 6, bb 3, so 2, pgl 3; Oberto (r) rl 4, bvc 3, bb 0, so 1, pgl 0; Ascanio (W) rl 3, bvc 2, bb 2, so 4, pgl 0; Hernandez (i) rl 6.2, bvc 7, bb 2, so 6, pgl 3; Teran (L) rl 3, bvc 1, bb 1, so 4, pgl 0; Escalona (r) rl 0.1, bvc 0, bb 0, so 0, pgl 0.

NOTE: triplo di Poma, doppi di Morreale, Ermini, Pulzetti, Celli, N. Garbella, Caseres, Duran. 

 


Pagina 10 di 111