logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
IBL 1
RINGRAZIAMENTI A SAN MARINO RTV
Mercoledì 06 Settembre 2017 12:08    PDF Stampa E-mail

Il San Marino Baseball, in chiusura di questa Italian Baseball Series, intende porgere il suo ringraziamento per il lavoro di San Marino RTV e per la straordinaria visibilità che ha offerto con la copertura televisiva satellitare e digitale. Uno speciale apprezzamento va dunque a Palmiro Faetanini, voce del baseball, e a tutti i suoi collaboratori, per la passione e l'estrema professionalità con la quale hanno trattato la materia e l'hanno portata nelle case degli appassionati e dei tifosi.

 
GARA3, RIMINI VINCE 2-1 E SI AGGIUDICA LO SCUDETTO
Martedì 05 Settembre 2017 23:43    PDF Stampa E-mail

Rimini vince 2-1 gara3, si aggiudica l’Italian Baseball Series e si cuce dunque addosso il 13° scudetto. Per la T&A una serata amara, quella che sancisce l’addio definitivo ai sogni di primeggiare nella massima competizione italiana dopo una stagione eccellente. In vantaggio col fuoricampo di Reginato al 4°, i Titani sono stati raggiunti al 5° e poi superati all’8°. Vincente Rosario, perdente Nieve.

È stata una gara vissuta su pochi sprazzi, coi partenti Hernandez e Kimborowicz a irretire ripetutamente le mazze avversarie. Al 2° sembra che la T&A abbia inquadrato il partente di casa (singoli per Reginato ed Ermini), ma saranno le uniche valide della partita per i Titani assieme all’homer di Reginato al 4°. Quell’1-0 è prezioso ed è protetto nella parte bassa del 4° con un doppio gioco che chiude l’inning. Al 5° però Rimini passa con singolo di Celli e doppio di Zappone (1-1), andando addirittura vicina al vantaggio con l’uomo in terza (ma Di Fabio e Infante sono eliminati).

La gara sembra poter girare tra parte bassa del sesto, quando la T&A salva ancora una situazione di uomo in terza, e parte alta del settimo: Chiarini è salvo su errore, ruba la seconda e, con due out, corre dritto verso casa sulla battuta di Ermini, che però è presa incredibilmente al volo da Infante.

È l’ultimo segnale da parte dell’attacco della T&A. All’8° arriva il secondo punto riminese (tre valide, ancora punto battuto a casa da parte di Zappone), al 9° San Marino non riesce a incidere. Rimini vince 2-1.

RIMINI –T&A SAN MARINO 2-1

T&A: Ferrini 2b (0/4), Poma ec (0/4), Epifano ss (0/4), Chiarini dh (0/4), Reginato ed (2/3), Albanese r (0/3), Ermini 1b (1/3), Avagnina es (0/3), Pulzetti 3b (0/3).

RIMINI: Infante ss (0/3), Noguera (Caseres 0/1) 2b (1/3), Vasquez es (1/3), Garbella ed (0/3), Celli ec (2/3), Zappone dh (2/4), Malengo 1b (0/2), Bertagnon r (0/0), Di Fabio 3b (0/3).

T&A: 000 100 000 = 1 bv 3 e 0

RIMINI: 000 010 01X = 2 bv 6 e 1

LANCIATORI: Kimborowicz (i) rl 5.1, bvc 3, bb 4, so 6, pgl 1; Nieve (L) rl 2.1, bvc 3, bb 1, so 5, pgl 1; Quevedo (f) rl 0.1, bvc 0, bb 0, so 1, pgl 0; Hernandez (i) rl 6, bvc 3, bb, so 10, pgl 1; Rosario (W) rl 3, bvc 0, bb 0, so 4, pgl 0.

NOTE: fuoricampo di Reginato (1p. al 4°). Doppio di Zappone.

 
GARA3, LA VIGILIA DELLA T&A
Lunedì 04 Settembre 2017 13:29    PDF Stampa E-mail

È vigilia di gara3 e la T&A si appresta a viaggiare verso il vicino Stadio dei Pirati, dove domani sera alle 20.30 proseguirà la serie scudetto, con Rimini in vantaggio 2-0. Per i Titani serve un veloce reset su quanto accaduto nella seconda partita e un tornare a giocare come nelle proprie capacità. Intanto è sotto esame Francesco Imperiali, infortunatosi sabato sera al retto femorale destro: per lui presenza in forte dubbio.

Col manager Marco Nanni sentiamo qual è l’umore della truppa

“Bisogna lasciarsi dietro la sconfitta, scendere in campo con l’atteggiamento giusto, con serenità, e vincere – dichiara il manager della T&A -. Soprattutto cercando di fare le nostre cose, non di più. Dobbiamo giocare sui nostri limiti, non andare oltre in maniera evidente. Ansia e paura non devono esistere, andiamo a giocare come sappiamo e poi faremo i conti”

Tornare a essere se stessi…

“Esatto. Sabato sera siamo stati bravi a rientrare dallo 0-6, questione niente affatto semplice e scontata. Poi, sotto di due, una battuta andata in un modo o nell’altro avrebbe potuto cambiare il corso del match. Peccato, ma ora bisogna pensare alla terza partita e a fare il meglio possibile”

Quale sarà il partente della T&A?

“Valuteremo le condizioni dei lanciatori nelle immediate vicinanze del match, ma allo stato attuale delle cose posso dire che a partire sul monte sarà uno tra Quevedo e Kimborowicz. Rimini? Stiamo a vedere, probabilmente replicheranno quanto fatto con Bologna in semifinale, cioè Hernandez partente in alternanza a Rosario. La chiave sarà cercare di essere incisivi e di far lanciare il più possibile chi si presenterà all’inizio sul mound”

 
RIMINI FA IL BIS A SERRAVALLE
Domenica 03 Settembre 2017 00:34    PDF Stampa E-mail

Serve poco altro, oltre al punteggio. Da un 15-5 puoi già immaginare tanto, anche se, piccolo particolare, 8 di quei 15 punti sono arrivati in un 9° inning devastante quando la partita poteva essere, tutto sommato, recuperabile. Rimini sbanca per la seconda volta in 24 ore lo stadio di Serravalle, va 2-0 nella serie scudetto e martedì, in casa, avrà il primo match-point. Va tutto storto a una T&A che nel primo terzo di match va sotto 0-6, recupera sul 4-6 e poi sul 5-7, ma non riesce mai nella zampata dell’aggancio e finisce per essere punita in maniera severa al nono. Lo score recita che il vincente è stato Richetti, perdente Florian, salvezza per Teran.

Tesa, di nervi, la gara all’inizio vive sulle piccole cose: una linea finita in un guanto, un doppio gioco, la capacità di sbagliare poco. La T&A, questa volta, sbaglia tanto. Non come da suo costume.

Al 1° inning sembrerebbe andare tutto dritto ai Titani, che ottengono una preziosa eliminazione a casa base su Noguera dopo la valida interza di Garbella. Al cambio di campo, doppio di Poma e singolo di Chiarini, con un out, fanno sprizzare ottimismo, ma arriva un doppio gioco della difesa ospite a smorzare gli entusiasmi.

È 0-0, me per poco. Al 2° Rimini segna due volte: base a Celli e valida di Caseres, poi un errore della difesa sulla doppia rubata manda a punto entrambi. Al 3° gli ospiti confezionano un big inning da quattro punti: singoli di Infante e Noguera, errore della difesa su una volata di Vasquez (0-3), Garbella colpito, singolo di Celli (0-5) e altro errore della difesa su un tentativo di tiro in prima dopo che sul monte Cherubini aveva sostituito Florian (0-6).

Una batosta, ma niente affatto definitiva, non fosse altro perché siamo ad appena un terzo di gara. Ecco allora che, proprio tra 3° e 4°, la T&A si rifà sotto prepotentemente. Al 3° arrivano due punti coi doppi di Pulzetti e Poma (1-6) più il singolo di Albanese (2-6). Al 4° altri due con singolo di Imperiali, doppio di Avagnina (3-6) e volata di Pulzetti (4-6).

Non si smette mai di segnare, tanto che il 5° è l’inning del botta e risposta tra il punto riminese (base ball a Bertagnon coi cuscini carichi, 7-4, poi entra Coveri per Cherubini) e quello sammarinese (doppio di Epifano e singolo di Reginato, 5-7).

Il punteggio dice che la T&A può ancora crederci, ma al 6° e al 7° arrivano due doppi giochi a concludere l’attacco sammarinese, mentre all’8° Teran produce tre eliminazioni veloci. Al tramonto del match, San Marino cade fragorosamente e Rimini segna 8 punti al 9°. Sette valide, con tre punti battuti a casa da Celli in due distinte occasioni (doppio e singolo), uno da Caseres e quattro da Infante con un grande slam. Finisce 15-5 per Rimini.

La cronaca è cruda, sincera nei numeri e nelle giocate in campo. Il futuro invece è da scrivere, nessuno lo conosce. Di sicuro, di certo, non c’è nulla. Che sia difficile è scontato. Che Rimini, adesso, sia la favorita per lo scudetto, è palese. La storia recente però dice che tutto è possibile. Testa, gambe e carica agonistica della T&A vanno tutte su gara3. Un’impresa va fatta un passo alla volta.

T&A SAN MARINO – RIMINI 5-15

RIMINI: Infante ss (2/6), Noguera 2b (4/6), Vasquez (Malengo) 1b (1/4), Garbella ed (3/4), Celli ec (3/3), Caseres dh (2/4), Zappone es (0/6), Giovannini (Bertagnon 0/1) r (0/2), Di Fabio 3b (0/5).

T&A: Ferrini 2b (0/4), Poma ec (3/5), Chiarini dh (1/3), Reginato ed (2/5), Albanese r (1/4), Epifano ss (2/4), Imperiali (Ermini 0/1) 1b (1/3), Avagnina es (1/4), Pulzetti 3b (1/2).

RIMINI: 024 010 008 = 15 bv 15 e 0

T&A: 002 210 000 = 5 bv 12 e 3

LANCIATORI: Richetti (W) rl 5.0, bvc 10, bb 0, so 3, pgl 5; Escalona (r) rl 1.1, bvc 0, bb 2, so 1, pgl 0; Teran (S) rl 2.2, bvc 2, bb 1, so 1, pgl 0; Florian (L) rl 2.0, bvc 6, bb 1, so 2, pgl 2; Cherubini (r) rl 2.2, bvc 1, bb 3, so 2, pgl 1; Coveri (r) rl 3.1, bvc 3, bb 2, so 1, pgl 2; Oberto (f) rl 1, bvc 5, bb 3, so 1, pgl 6.

NOTE: fuoricampo di Infante (4p. al 9°), doppi di Noguera, Celli, Poma (2), Reginato, Avagnina e Pulzetti.

 


Pagina 2 di 115