logo 30

Banner
Banner
Banner
Banner
RIMINI FA IL BIS A SERRAVALLE
Domenica 03 Settembre 2017 00:34    PDF Stampa E-mail

Serve poco altro, oltre al punteggio. Da un 15-5 puoi già immaginare tanto, anche se, piccolo particolare, 8 di quei 15 punti sono arrivati in un 9° inning devastante quando la partita poteva essere, tutto sommato, recuperabile. Rimini sbanca per la seconda volta in 24 ore lo stadio di Serravalle, va 2-0 nella serie scudetto e martedì, in casa, avrà il primo match-point. Va tutto storto a una T&A che nel primo terzo di match va sotto 0-6, recupera sul 4-6 e poi sul 5-7, ma non riesce mai nella zampata dell’aggancio e finisce per essere punita in maniera severa al nono. Lo score recita che il vincente è stato Richetti, perdente Florian, salvezza per Teran.

Tesa, di nervi, la gara all’inizio vive sulle piccole cose: una linea finita in un guanto, un doppio gioco, la capacità di sbagliare poco. La T&A, questa volta, sbaglia tanto. Non come da suo costume.

Al 1° inning sembrerebbe andare tutto dritto ai Titani, che ottengono una preziosa eliminazione a casa base su Noguera dopo la valida interza di Garbella. Al cambio di campo, doppio di Poma e singolo di Chiarini, con un out, fanno sprizzare ottimismo, ma arriva un doppio gioco della difesa ospite a smorzare gli entusiasmi.

È 0-0, me per poco. Al 2° Rimini segna due volte: base a Celli e valida di Caseres, poi un errore della difesa sulla doppia rubata manda a punto entrambi. Al 3° gli ospiti confezionano un big inning da quattro punti: singoli di Infante e Noguera, errore della difesa su una volata di Vasquez (0-3), Garbella colpito, singolo di Celli (0-5) e altro errore della difesa su un tentativo di tiro in prima dopo che sul monte Cherubini aveva sostituito Florian (0-6).

Una batosta, ma niente affatto definitiva, non fosse altro perché siamo ad appena un terzo di gara. Ecco allora che, proprio tra 3° e 4°, la T&A si rifà sotto prepotentemente. Al 3° arrivano due punti coi doppi di Pulzetti e Poma (1-6) più il singolo di Albanese (2-6). Al 4° altri due con singolo di Imperiali, doppio di Avagnina (3-6) e volata di Pulzetti (4-6).

Non si smette mai di segnare, tanto che il 5° è l’inning del botta e risposta tra il punto riminese (base ball a Bertagnon coi cuscini carichi, 7-4, poi entra Coveri per Cherubini) e quello sammarinese (doppio di Epifano e singolo di Reginato, 5-7).

Il punteggio dice che la T&A può ancora crederci, ma al 6° e al 7° arrivano due doppi giochi a concludere l’attacco sammarinese, mentre all’8° Teran produce tre eliminazioni veloci. Al tramonto del match, San Marino cade fragorosamente e Rimini segna 8 punti al 9°. Sette valide, con tre punti battuti a casa da Celli in due distinte occasioni (doppio e singolo), uno da Caseres e quattro da Infante con un grande slam. Finisce 15-5 per Rimini.

La cronaca è cruda, sincera nei numeri e nelle giocate in campo. Il futuro invece è da scrivere, nessuno lo conosce. Di sicuro, di certo, non c’è nulla. Che sia difficile è scontato. Che Rimini, adesso, sia la favorita per lo scudetto, è palese. La storia recente però dice che tutto è possibile. Testa, gambe e carica agonistica della T&A vanno tutte su gara3. Un’impresa va fatta un passo alla volta.

T&A SAN MARINO – RIMINI 5-15

RIMINI: Infante ss (2/6), Noguera 2b (4/6), Vasquez (Malengo) 1b (1/4), Garbella ed (3/4), Celli ec (3/3), Caseres dh (2/4), Zappone es (0/6), Giovannini (Bertagnon 0/1) r (0/2), Di Fabio 3b (0/5).

T&A: Ferrini 2b (0/4), Poma ec (3/5), Chiarini dh (1/3), Reginato ed (2/5), Albanese r (1/4), Epifano ss (2/4), Imperiali (Ermini 0/1) 1b (1/3), Avagnina es (1/4), Pulzetti 3b (1/2).

RIMINI: 024 010 008 = 15 bv 15 e 0

T&A: 002 210 000 = 5 bv 12 e 3

LANCIATORI: Richetti (W) rl 5.0, bvc 10, bb 0, so 3, pgl 5; Escalona (r) rl 1.1, bvc 0, bb 2, so 1, pgl 0; Teran (S) rl 2.2, bvc 2, bb 1, so 1, pgl 0; Florian (L) rl 2.0, bvc 6, bb 1, so 2, pgl 2; Cherubini (r) rl 2.2, bvc 1, bb 3, so 2, pgl 1; Coveri (r) rl 3.1, bvc 3, bb 2, so 1, pgl 2; Oberto (f) rl 1, bvc 5, bb 3, so 1, pgl 6.

NOTE: fuoricampo di Infante (4p. al 9°), doppi di Noguera, Celli, Poma (2), Reginato, Avagnina e Pulzetti.